Patrimonio a rischio


L'Italia è considerata, non a torto, la culla della cultura occidentale. Il suo immenso patrimonio non è concentrato esclusivamente nelle città d'arte, ma è diffuso capillarmente sull'intero territorio nazionale. Nel nostro Paese si concentra la maggiore densità al mondo di beni culturali e le emergenze monumentali cui far fronte sono davvero tante. Basti pensare alla straordinaria Villa Romana del Casale, a Piazza Armerina in Sicilia, dichiarata patrimonio mondiale dell'umanità dall'Unesco per i suoi mosaici unici al mondo, ma con un destino ancora incerto. Per non parlare di tutti quei monumenti abbandonati all'incuria o soffocati dall'inquinamento atmosferico

Numerose opere d'arte di indubbio valore sono nascoste in centri minori, collocati fuori dai grandi circuiti e rischiano di cadere nell'oblio e nel degrado. Capolavori d'arte e di natura unici, come il santuario italico di Sulmona o l'affascinante ecosistema del Delta del Po, per non parlare degli affreschi della chiesa dell'Annunziata di Jelsi (CB), sono solo alcuni dei tesori che vengono regolarmente ignorati. I nemici dell’arte che mettono a rischio il nostro patrimonio culturale sono molti. Basti pensare a come le opere d'arte, disseminate lungo il nostro Paese come in un museo a cielo aperto, sono esposte ad agenti inquinanti come il particolato, che annerisce i marmi, o l'anidride solforosa, che corrode e sbriciola la pietra di statue e monumenti. Ma anche le strutture museali, pensate per proteggere capolavori del passato dall'usura del tempo, non sempre riescono a sottrarsi alla pressione dell'inquinamento atmosferico, che penetra in queste roccaforti dell'arte alterandone la qualità degli ambienti. Ci sono poi le calamità naturali come i terremoti e le alluvioni che oltre al carico di lutti e distruzione portano con loro danni spesso permanenti al nostro patrimonio artistico e culturale. C’è infine la cosiddetta “archeomafia” ovvero il furto e il traffico dei beni culturali.

Le proposte di Legambiente

16 Feb 2017
  Legambiente esprime soddisfazione per il nuovo sequestro disposto dalla Procura della Repubblica di Crotone del cantiere del “Marine Park Village” che ha bloccato i lavori di costruzione di un villaggio turistico in località Punta Scifo nell’area marina protetta di Capo Rizzuto. L'associazione ambientalista...
17 Mag 2016
Il 99,8% dei comuni calabresi con aree esposte a pericolo “Puntare su una seria politica di mitigazione del rischio per interventi di prevenzione”   In Calabria il 99,8% dei comuni calabresi presenta aree esposte a pericolo di frane o alluvioni. Si tratta di 408 comuni su 409 di cui 354 sono a pericolosit...
27 Mag 2015
Battaglina libera! La discarica non si farà! Vince il rispetto delle norme, vincono i calabresi che hanno portato avanti, insieme a noi, una “battaglia” durata anni, ma combattuta sempre con lo stesso fervore per far valere i diritti di una terra che vuole agire nella legalità e nel rispetto ambientale. Ringraziamo il...