Piano regionale rifiuti, le Osservazioni di Legambiente e Zerowaste Calabria


Ecco i punti cardine del documento presentato alla Regione  

 

 

Legambiente Calabria, in collaborazione con Zerowaste Calabria, ha convocato una conferenza oggi a Cosenza, per illustrare alla stampa le Osservazioni al Piano regionale sui rifiuti inviato la scorsa settimana al Governatore Oliverio e all’assessore all’ambiente Rizzo.

 

All’incontro, che si è tenuto presso l’Italiana Hotel a Cosenza, hanno preso parte Francesco Falcone, presidente di Legambiente Calabria; Aldo Perrotta del Comitato Scientifico di Legambiente Calabria e Pasquale Allegro di Zerowaste Calabria.

 

Tra i diversi punti evidenziati nel documento elaborato, quello sulla produzione dei rifiuti pone diverse domande: innanzitutto non si comprende come mai la Regione abbia utilizzato i dati del 2014 (trascrivendoli anche in modo approssimativo ed impreciso) e non quelli aggiornati al 2015 relativi all’elaborazione dei MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale) dove, infatti, da una prima analisi, risulta una produzione di rifiuti indifferenziati di 591.078 t. con una diminuzione del ricorso alle discariche di 58.652 t, passando da 650.433 t a 591.078, che porta la RD al 27%.

Nel 2016 è del 72% la popolazione calabrese che ha avviato la raccolta differenziata. Dati che confermano l’assoluta necessità di potenziare le raccolte differenziate domiciliari e di realizzare una adeguata impiantistica di supporto finalizzata a valorizzare detti flussi (frazioni secche riciclabili e frazioni biodegradabili).

 

Altro punto è la nuova pianificazione sulla gestione dei rifiuti urbani. Le Aree di Raccolta Ottimali, ARO, sono indicate nel Piano con tutte le società miste che sono, in larga parte, fallite e che hanno dimostrato la totale incapacità di un tale sistema di gestire il ciclo integrato dei rifiuti. Riproporre quanto fatto dalla gestione commissariale non è più sopportabile e condivisibile. La gestione dei rifiuti muove ingenti risorse e attira gli interessi anche delle ecomafie e non possiamo permettere che il territorio sia ulteriormente devastato da affaristi di ogni genere che hanno già, per tutta la gestione commissariale, sperperato un miliardo di euro senza portare ad una gestione accettabile della raccolta degli RSU, rifiuti solidi urbani.

 

Sul tema caldo degli impianti, nell’attuale sistema gestionale la cronica carenza impiantistica, riguarda in massima parte gli impianti pubblici di smaltimento. Se continuiamo a non realizzare impiantistica pubblica a supporto della raccolta differenziata, la Regione e i calabresi saranno sempre sotto scacco della mano privata. Anche gli impianti di compostaggio pubblici non soddisfano la domanda regionale, e quindi vi è la necessità di ricorrere a impianti privati o extraregionali, senza i quali anche la frazione umida da raccolta differenziata, Rd, sarebbe stata riversata nel tal quale indifferenziato e smaltita in discarica, vanificando così gli sforzi che stanno compiendo i comuni per rilanciare la RD. Non ci pare che siano previsti interventi per la realizzazione di impianti di compostaggio. Nel Piano, inoltre, si prevede ancora l’attivazione della discarica di Melicuccà sottoposta a sequestro rispetto alla quale non ne condividiamo le ragioni di riattivazione stante le problematiche ambientali che il sito pone.

Questi impianti cambiano nome e diventano “Ecocentri”, come se bastasse cambiare nome per diventare un diverso modo di riorganizzare la dotazione impiantistica al servizio della raccolta differenziata. Il sistema di creare degli ecodistretti concentrati aumenta i costi, diminuisce l’attenzione nei luoghi di produzione dei rifiuti e diminuisce l’efficienza.

Il sistema di valorizzazione dei rifiuti deve essere distribuito a livello territoriale, i centri di raccolta e selezione a livello comunale o di unione di comuni debbono essere il cuore della raccolta differenziata e debbono conferire alle piattaforme convenzionate con il CONAI e diffuse sul territorio. 

 

Non è più tollerabile arginare il collasso del sistema di gestione dei rifiuti con l’incremento della capacità di trattamento degli impianti pubblici e il contestuale utilizzo di quelli privati dichiarati di interesse pubblico, o attraverso la sottoscrizione di intese con altre regioni (Regione Campania e Toscana), continuando a sversare il tal quale senza alcun pre-trattamento.

 

Circa 1/3 del quantitativo di RUr (rifiuti urbani residui) prodotti in ambito regionale è stato smaltito in totale assenza di pretrattamenti. Un ulteriore elemento di riflessione che emerge dall’analisi dei dati di gestione dei RUr porta alla considerazione che l’intero ciclo dei rifiuti in ambito regionale è stato improntato principalmente allo smaltimento in discarica, in un contesto di pressoché totale assenza di recupero/riciclo. Infatti, nel 2013, tra conferimenti diretti e scarti di processo, è finito in discarica il 67% dei rifiuti urbani prodotti in ambito regionale, mentre nel 2014 tale quantità si è ridotta al 59%.

Nella tabella 8-1 del Piano non sono riportate le quantità di rifiuti organici trattati né queste quantità sono rintracciabili in alcuna parte del Piano regionale di gestione dei rifiuti, PRGR, ci si pone, quindi, una domanda: che fine hanno fatto i rifiuti organici differenziati, sono forse finiti in discarica?

 

 

Capacità tratt. Rur

Quantità trattata

% utilizzo impianto

trasferenza

Catanzaro

93000

82726

88,95%

5149

Crotone

51000

44184

86,64%

25595

Gioia Tauro

40000

37187

92,97%

13403

Rossano

40000

41554

103,89%

9482

Reggio Calabria

35000

678

1,94%

95321

Siderno

40000

45478

113,70%

5006

Lamezia Terme

107000

90440

84,52%

39252

 

 

L’impianto di termovalorizzazione di Gioia Tauro (RC) ha trattato nel 2014 circa 47.000 t derivanti da RU e 26.000 t da RS, mentre la capacità autorizzata è pari a 120.000 t/a, (vengono trattate 73.000 t e quindi utilizzato per circa il 60,8%) che, però non può essere sfruttata, nelle more di un intervento di efficientamento (cosa conferiamo viste le previsioni di riduzione e diminuzione dei rifiuti? A cosa serve efficientare e spendere altre risorse? Importeremo rifiuti per sfruttare le capacità di termovalorizzazione?). La nostra posizione non è un’avversione strumentale o ideologica, ma basata su dati e proiezioni, non commettiamo gli errori commessi a Gioia Tauro nel passato volendo realizzare una seconda linea che era già sovradimensionato rispetto ai dati 2002.

Fin dalla fase iniziale di predisposizione del Piano per lo smaltimento dei rifiuti (1998), abbiamo criticato aspramente l’intenzione di voler realizzare due impianti di incenerimento in Calabria. Tale scelta è stata sempre ritenuta inutile e sbagliata per il territorio.

 

“Occorre porre riordino nel sistema e rendere trasparente la gestione degli impianti – affermano Falcone e Perrotta di Legambiente Calabria -. Dopo il fallimento, economico e politico, delle esperienze delle società miste è quanto mai urgente approvare un piano che metta mano all’organizzazione e alle forme di gestione che dovranno ripartire replicando le esperienze positive messe in campo dalle gestioni pubbliche, coinvolgendo quelle realtà private virtuose da scegliere secondo criteri di trasparenza e legalità, con gare ad evidenza pubblica, rilanciando tutto il ciclo dei rifiuti sui principi di economicità, efficienza ed efficacia. Un piano che ponga le basi per una idonea ed efficace pianificazione, che governi il ciclo integrato dei rifiuti e definisca gli ambiti territoriali ottimali”.

 

“In merito agli obiettivi del Piano regionale – ha affermato Pasquale Allegro, Zerowaste Calabria - ribadiamo l’esigenza di maggiore chiarezza soprattutto nel sentire accostare al concetto di Rifiuti Zero il concetto di Discariche Zero. Possibile che in Calabria non si riesca ancora a parlare di una Exit Strategy per uscire dall’obsoleta e dannosa pratica d’incenerimento?”. “Crediamo sia importante – ha detto ancora Allegro – approfondire i casi di studio virtuosi e replicabili nella nostra regione”.

 

Necessario, dunque, sostenere la raccolta differenziata “porta a porta” e fornire sostegno economico e tecnico ai Comuni. Per aumentare in poco tempo le quantità (oltre alla qualità) dei rifiuti riciclabili raccolti in modo separato, occorre puntare alla frazione organica dei rifiuti e agli imballaggi, prodotti in ambito domestico.

Alla luce della evidente carenza di impianti per trattare le frazioni compostabili dei rifiuti per la produzione di compost di qualità e facendo una stima sommaria, e considerando che circa un terzo dei rifiuti urbani prodotti sono costituiti da frazione compostabile, vi è la necessità di impianti di compostaggio per i comuni al di sotto di 10.000 abitanti e di almeno 10 impianti, distribuiti su tutto il territorio regionale, per trattare circa 300.000 tonnellate all’anno di rifiuti biodegradabili (senza considerare che a questi impianti potrebbero essere conferiti anche altri rifiuti come quelli agroindustriali, i reflui zootecnici, i fanghi di depurazione). Occorre incentivare il compostaggio domestico e di comunità e far leva sulla premialità fiscale per fermare l’utilizzo delle discariche e incentivare le virtuosità di Comuni e cittadini.

 

 

 

 

Files

Pubblicato il04 ottobre 2016