Legambiente chiede intervento Commissione Europea


Danno al territorio per Villaggio in area protetta Capo Rizzuto

Ancora un intervento ai danni del territorio calabrese, attraverso la realizzazione del villaggio turistico in località “Scifo” nell’Area marina protetta di Capo Rizzuto

 

A rischio anche aree della Rete Natura 2000 come il Sito di Interesse Comunitario “fondali da Crotone a le Castella”: Legambiente chiede l’intervento della Commissione Europea per presunta violazione del diritto comunitario

 

 

Con una specifica segnalazione indirizzata al Segretariato Generale della Commissione Europea per presunta violazione del diritto comunitario, comunicata anche al Ministero dell’Ambiente e alla Regione Calabria, Legambiente denuncia un ennesimo, grave caso di attacco al territorio in uno dei tratti costieri più importanti della Calabria, l’Area marina protetta di Capo Rizzuto, all’interno della quale il tentativo di realizzazione di un villaggio turistico, ha portato ad una colata di cemento per la costruzione di 79 bungalow attualmente costituiti dai rispettivi basamenti in cemento armato.  

 

Noto con il nome di Marine Park Village, nell’ottica dei realizzatori il complesso andrebbe a coprire un’area di circa 75.000 mq sorgendo in una località in cui sussistono vincoli paesaggistici, ambientali e soprattutto archeologici data la presenza sia di una torre di avvistamento cinquecentesca che di un parco archeologico, quello di Capo Colonna situato a poca distanza, importante per la diffusa presenza di insediamenti sia ellenistici che romani.

 

Francesco Falcone, presidente di Legambiente Calabria, osserva come “Uno degli aspetti più delicati di questo nuovo, ennesimo caso di aggressione al territorio è il fatto che il progetto del villaggio, oltre ad insistere nel territorio costiero di un’importante area marina protetta, ricade anche nell’ambito di un SIC, quello dei fondali da Crotone a le Castella e rispetto al quale, il fascicolo d’indagine aperto dalla Procura di Crotone e vari provvedimenti di sequestro del cantiere e di sospensione dei lavori succedutesi negli ultimi 3 anni alternandosi a provvedimenti di dissequestro, a seguito in particolare dei lavori di sbancamento realizzati per la discesa al mare del villaggio, la dicono lunga sui motivi di preoccupazione nei confronti di un’opera che non tardiamo definire inutile e dannosa”.

 

Secondo Antonio Nicoletti, responsabile nazionale Aree protette e Biodiversità di Legambiente, “nel rimanere stupiti su come si possa concedere, in una zona che il piano regolatore comunale individua come agricola con possibile offerta turistica collaterale rappresentata dall’agriturismo, il permesso a costruire e pareri favorevoli da parte di Sovrintendenza e Provincia per una struttura che invece prevede dieci volte tanto il numero di posti letto massimi consentiti per ettaro, ci si interroga anche su come tutto questo abbia potuto avvenire sotto silenzio e nell’indifferenza generale di enti ed istituzioni. Non ci resta a questo punto – prosegue il rappresentante di Legambiente – che riporre fiducia da un lato nell’atteso pronunciamento dal parte del Consiglio di stato sulla presunta violazione delle normative urbanistiche vigenti per interventi sul demanio, dall’altra nel buon operato della Commissione Europea, cui abbiamo affidato una dettagliata segnalazione, affinché vengano ripristinate le migliori condizioni di salvaguardia e tutela di questi luoghi di documentata rilevanza archeologica ed ambientale”.

 

Pubblicato il03 dicembre 2016